RENDICONTARE PER FAR RENDERE CONTO

Written by admin. Posted in News, Notizie home

La rendicontazione sociale dell’IC Rapallo: clicca sul link per poter leggere i dati e il commento I risultati dell’IC Rapallo nel quadriennio 2015-2019: clicca sul link per vedere la presentazione dell’incontro di rendicontazione sociale del 10-12-2019. Che cos’è la rendicontazione sociale? Che cosa fanno le scuole oltre ad insegnare e tenere i bambini e i ragazzi? Quali sono i risultati concreti che una scuola può produrre? Nell’ambito del percorso, previsto dalla normativa, di valutazione del proprio operato e di miglioramento dell’offerta formativa e didattica, l’IC Rapallo organizza un’iniziativa aperta alla città, martedì 10 dicembre, alle ore 16.30, nell’aula magna dell’Istituto, per incontrare tutti coloro che in un modo o nell’altro hanno interesse all’azione che l’Istituto quotidianamente svolge: prima di tutto allievi, famiglie e personale, ma anche l’Amministrazione comunale, gli enti e le associazioni che hanno rapporto in vario modo con la scuola. “Ogni scuola italiana entro dicembre 2019 deve pubblicare su un’apposita piattaforma del Ministero una relazione su quanto svolto negli ultimi 3-4 anni, in particolare per quanto riguarda i risultati scolastici – spiega il Dirigente Scolastico dell’IC Rapallo Giacomo Daneri – In più possono essere pensate iniziative per far conoscere il proprio operato e da qui nasce l’idea dell’IC Rapallo di un incontro pubblico per presentare i risultati scolastici e non solo. Esiste una quotidianità scolastica, in cui si svolgono le lezioni e si insegnano i contenuti; ogni istituto svolge questo compito. Noi riteniamo che, oltre alla prassi quotidiana, vada ricercata una visione più ampia e a lungo termine, che progetti e persegua un processo di miglioramento a vari livelli”. L’Istituto ha individuato delle priorità scolastiche, in base ai risultati degli allievi e con riferimento al miglioramento soprattutto nelle aree delle lingue straniere (all’IC Rapallo si studiano Inglese e Francese) e matematico-scientifico. In quest’ultimo campo il riferimento è ai dati delle prove INVALSI che misurano con un test unico su scala nazionale le competenze dei singoli allievi e delle singole scuole; il traguardo è raggiungere i risultati complessivi del Nord Ovest (che comprende anche Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta), che quasi sempre costituisce la migliore performance italiana. In campo linguistico si fa riferimento ai risultati degli esami finali di terza media: il traguardo è aumentare il numero complessivo di allievi che consegue almeno “sette” come votazione nella prova di esame di Lingue; al momento del rilevamento iniziale erano poco più della metà. In questi anni sono state attivate azioni a vario livello per supportare questo miglioramento: da progetti per migliorare il passaggio tra la Primaria e la Secondaria (tra elementari e medie) al potenziamento dei laboratori, con la realizzazione di uno specifico laboratorio linguistico e l’allestimento di un laboratorio scientifico alla scuola primaria, dal miglioramento degli ambienti di apprendimento al coinvolgimento di associazioni, con supporto anche economico, fino alla formazione dei docenti. I risultati sono complessivamente migliorati, pur con qualche momento altalenante; per questo i traguardi di miglioramento sono rimasti invariati anche per il prossimo triennio. Ma l’IC Rapallo presenta i risultati raggiunti anche negli altri campi: crescono quantità e qualità dei progetti di recupero delle lacune degli studenti, anche in stretta collaborazione con le associazioni che organizzano i doposcuola cittadini; delle iniziative di valorizzazione dei talenti, sia nei tradizionali campi legati alla logica e alla matematica, ma anche in quelli linguistico, artistico, musicale, tecnologico, sportivo; proseguono le iniziative di innovazione didattica, dall’utilizzo educativo del digitale alla creazione di aule dedicate per le varie discipline, dove gli alunni si spostano come all’università. Il reperimento dei fondi ha portato l’Istituto a raccogliere oltre 370.000 euro negli ultimi 4 anni, con finanziamenti provenienti dai Fondi europei, dal Ministero dell’Istruzione, dal Ministero dei beni e delle attività culturali e dalla Compagnia di San Paolo, che hanno valutato positivamente i progetti presentati dall’Istituto e hanno permesso di acquistare attrezzature e soprattutto di attivare corsi didattici di vario tipo: l’installazione in tutti gli ambienti delle Medie e in quasi tutti quelli delle Elementari di lavagne interattive, videoproiettori o grandi video touch di ultima generazione, oltre che di alcune stampanti 3D facendo dell’Istituto una scuola all’avanguardia dal punto di vista della dotazione tecnologica; la formazione dei docenti, con particolare attenzione ad autismo e disturbi specifici di apprendimento, importanza del gesto grafico, psicomotricità, robotica educativa e stampa 3D, con le relative ricadute didattiche; dello stretto rapporto con decine di enti e associazioni, con cui si è costruita una salda rete di collaborazione, indispensabile per la realizzazione dei progetti di recupero e di valorizzazione.      
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather