PASCOLI: DISTANTI MA VICINISSIMI

Written by admin. Posted in News, Notizie home

“Io resto a casa” Questa frase, diventata lo slogan del 2020, sicuramente rimarrà nella memoria dei nostri piccoli allievi. Quando da adulti racconteranno ai loro figli, e più tardi ai loro nipoti, di questo lunghissimo periodo passato in casa avranno molti particolari da riferire, infinite sfumature di colori che questa primavera sta facendo vivere loro e non tutte nella tonalità del grigio. Appena iniziato il periodo di allontanamento dalla scuola e dalla normale quotidianità abbiamo cercato tutti, ciascuno nel suo ruolo, di trovare strade, strategie, mezzi – tecnologici e non – per restare vicini; se è vero che la scuola ha un valore educativo, oltreché formativo, mai come in questa situazione si sta rivelando centrale il suo ruolo. I bambini sono fantastici: mostrano entusiasmo e serenità, sanno cogliere quello che di buono anche questa esperienza trasmette; abbiamo scoperto di avere tantissimi piccoli cuochi tra i nostri piccoli alunni, raccontano con orgoglio quanto buona fosse la loro pizza o la torta dolce della sera precedente preparata con mamme, papà, nonne! Poi i compleanni di marzo: sono stati già tre i festeggiati con un semplice augurio scambiato in diretta durante il collegamento; ci ha colpito il fatto che nessuno di loro abbia lamentato il fatto di non poter festeggiare coi compagni come si faceva di solito, erano contenti comunque! Già… i bambini capiscono molto più di quanto immaginiamo! I genitori e i nonni, anche loro sono esemplari: catapultati in un mondo tecnologico avanzato, fatto di procedure da effettuare, di documenti da salvare/modificare/inviare, di linee Internet vacillanti, di piattaforme sconosciute, di link da copiare, non si sono fatti scoraggiare dalle inevitabili difficoltà e hanno provato e riprovato senza stancarsi… Mettendoci tutti in gioco, stiamo facendo fatica indubbiamente, ma sappiamo che è l’unica strada al momento e proviamo a percorrerla insieme! Così questi collage di disegni fatti dai bimbi  e origami di casette vogliono valorizzare un momento che rimarrà nella storia e di cui ci siamo trovati a far parte nostro malgrado; hanno coinvolto le famiglie e ciascuno ha dato un contributo che valorizza ancora una volta le differenze culturali e linguistiche come una ricchezza alla quale attingere per sentirci davvero tutti fratelli sotto lo stesso cielo!        
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather