PER DORA, LA SUA FAMIGLIA E TUTTI GLI ALTRI

Written by admin. Posted in News, Notizie home

Per Dora e la sua famiglia e tutti gli altri Finché i numeri e le notizie sul contagio restano tali, numeri e notizie, vuoti e freddi, magari in crescita, ma sempre numeri e notizie lontani da noi, tutto sommato ci sentiamo di non prendere troppo sul serio le raccomandazioni del Governo e degli esperti. Ci sentiamo immuni, ci sentiamo forti. Quando poi, invece, la malattia comincia a colpire qualcuno che conosciamo, qualcuno che stimiamo, qualcuno cui vogliamo bene, allora le cose improvvisamente cambiano. Stasera, tutti noi che abbiamo visto il video di Dora, abbiamo cambiato atteggiamento. Qualunque cosa pensassimo prima, è stato un pugno allo stomaco. Pur individuando molto bene le cause probabili della sua malattia (“qualcuno che non ha seguito le regole”) non ha avuto risentimento verso questa persona, ma ci ha testimoniato quanto sia importante non prendere sottogamba le indicazioni che ci sono state date. Dora è una donna che ama la sua famiglia: lo si capisce dall’accenno ai suoi cari. Dora è una donna coraggiosa: ci stringiamo attorno a lei e ai suoi cari e ci stringiamo attorno a tutti quelli che in questo momento soffrono. Un’ amica mi diceva in questi giorni che nella scuola e nella vita, che per noi sono molto spesso coincidenti, ai tempi del contagio emergono con contorni più netti le personalità. E’ come se questa vicenda avesse accelerato la rivelazione di quei rapporti che alla fine si dimostrano fasulli e di quelli che invece permangono veri, qualunque cosa accada. E’ molto vero. Anche a scuola, ci sono docenti che si stanno mettendo in gioco in maniera incredibile, magari superando le resistenze mentali di una vita. Altri si danno da fare senza calcolo per aiutare chi è in difficoltà. Tra i ragazzi e le famiglie ci sono coloro che cercano di coinvolgere chi è rimasto più indietro. La possibilità delle lezioni a distanza ricrea quei legami che la sospensione delle attività didattiche sembrava aver troncato. La stessa cosa avviene nei rapporti umani: chi si fa prendere dall’isteria, chi pensa solo a se stesso, chi ora penserà se ha avuto contatti con questa o quella persona. Ma c’è anche chi non calcola. Dora ci ha mostrato la via: pensare alle persone che sono preziose per noi e seguire le indicazioni che ci vengono perché non siamo soli al mondo e c’è gente cara che dipende da noi e dalle nostre scelte. La paura davanti alla prospettiva del contagio è naturale, è umana. Ma la paura spazza via solo ciò che non era vero già prima. Diversamente dai tempi antichi, dalle pestilenze raccontate da Boccaccio e Manzoni, abbiamo, questa volta, un prezioso alleato: la tecnologia. Possiamo usarla, come sempre, in modo dannoso, diffondendo panico e isterie, oppure in senso positivo, per sentirci vicini, per stringere o rinsaldare rapporti, per aiutare chi è in difficoltà, per fare comunità. Come ha fatto Dora con il suo messaggio. E’ nostra la scelta. Ma, esattamente come ai tempi di Boccaccio e Manzoni, emergerà solo ciò che è vero e profondamente umano. Non siamo soli. Ricordiamocelo tutti. Forza Dora, un abbraccio grande a te e ai tuoi e a tutti quelli che stanno combattendo.    Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

LA SCUOLA CONTINUA A DISTANZA

Written by admin. Posted in Area genitori, News, Notizie home

Fino al 3 aprile i nostri alunni non potranno frequentare la scuola normalmente per ragioni precauzionali. Ancora non sappiamo quello che verrà deciso in futuro, ma, augurandoci che si possa rientrare regolarmente a fare lezione, riteniamo che sia importante non perdere completamente il tempo che questo periodo mette a disposizione. I nostri docenti sia della Primaria che della Secondaria stanno interagendo con gli alunni attraverso il caricamento di materiali vari (documenti, questionari, esercizi, video con traccia di analisi, ecc.) e la successiva correzione dei compiti inviati via mail; altri ancora, in particolare nella Secondaria, stanno utilizzando piattaforme di condivisione e ambienti virtuali (Classroom, Google moduli, Socrative e Hangouts Meet) per far lezione a distanza. I lavori naturalmente sono graduati secondo i livelli di scolarità degli allievi. In questi giorni in cui la scuola sta facendo un grande sforzo per mantenere il contatto con gli alunni, i genitori sono invitati a far sì che i ragazzi partecipino quotidianamente all’attività didattica, accertandosi che svolgano regolarmente i compiti assegnati e non perdano il ritmo dello studio. In questo periodo di incertezza e nel rischio per i bambini e per i ragazzi di restare isolati nasce l’esigenza di restituire normalità alle nostre vite, scombussolate dall’emergenza Covid19. La Scuola può fare la differenza, utilizzando gli strumenti che la tecnologia ci fornisce, ma è più che mai necessaria la collaborazione delle famiglie. Fare lezione adesso significa affrontare insieme un’emergenza che rinsalderà la nostra scuola, la farà crescere e la renderà migliore. Oggi più che mai dobbiamo essere una comunità educante allargata.    Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

ATTENZIONE! sospensione dell’attività didattica dal 5 al 13 marzo

Written by admin. Posted in News, Notizie home

Prosegue la sospensione dell’attività didattica dal 5 al 13 marzo 2020. Il personale ATA resta regolarmente in servizio. I docenti sono invitati a utilizzare gli strumenti indicati per la didattica a distanza. I ricevimenti dei genitori della Secondaria sono effettuati regolarmente. I Consigli di classe della SEcondaria previsti nella prima settimana di marzo vengono spostati: si darà comunicazione al più presto dell’individuazione delle nuove date.  Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA’ DIDATTICHE LUNEDI’ 2 E MARTEDI’ 3 MARZO 2020

Written by admin. Posted in Notizie home

Si comunica che in base all’Ordinanza regionale n.2, punto n.1, per i giorni lunedì 2 e martedì 3 marzo è disposta la sospensione dei servizi della Scuola dell’Infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado. ATTENZIONE: PER LA QUESTIONE DEI CERTIFICATI si fa riferimento a quanto previsto dal DPCM del 1-3-2020 art.4, c.1 lett.c, che prevede che la riammissione a scuola, dopo assenza per malattia infettiva per una durata superiore a 5 giorni avvenga tramite certificato medico. Si invitano i docenti a continuare con le modalità relative ad assegnazione e controllo dei compiti, nonché quelle relative alla didattica a distanza. Domani in Istituto saranno presenti alcune docenti del corso B per supportare l’attivazione di eventuali lezioni. I ricevimenti dei genitori previsti per lunedì 2 e martedì 3 marzo SI TENGONO REGOLARMENTE. La programmazione della Scuola Primaria è sospesa. Alcuni docenti della Primaria saranno contattati dal Dirigente per alcune importanti comunicazioni. L’incontro con i rappresentanti delle classi terze della Secondaria viene confermato in data lunedì 2 marzo, alle ore 12.00. Il Consiglio d’Istituto si terrà in data martedì 3 marzo alle ore 15.00, come da convocazione.Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

ATTENZIONE: SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA’ DIDATTICHE PER TUTTA LA SETTIMANA

Written by admin. Posted in News, Notizie home

In seguito all’ordinanza regionale si comunica la sospensione delle attività didattiche per tutti gli ordini di scuola, per l’intera settimana dal 24 al 29 febbraio 2020. Gli studenti e i docenti NON svolgeranno le lezioni. Sono sospesi tutti gli altri corsi (recupero, approfondimento, strumento musicale, ecc) previsti al pomeriggio. Anche i corsi del progetto Scuola XXL sono sospesi per l’intera settimana. Il personale ATA è tenuto a presentarsi in servizio. Il Dirigente sarà presente in Ufficio per gli appuntamenti fissati. Anche le attività non didattiche dei docenti già previste nel piano annuale e programmate (programmazione della Primaria, dipartimenti della SEcondaria) si terranno regolarmente. Tuttavia si ritiene opportuno anticipare al mattino alcune riunioni, rimandando quella prevista per domani pomeriggio e più precisamente: Programmazione della Primaria: mercoledì 26 dalle 9 alle 11. Dipartimento di Lettere (previsto per lunedì pomeriggio): giovedì 27 dalle 9.30 alle 12.00 Dipartimento di Matematica: anticipato al mattino di martedì 25 dalle 9.30 alle 12.00 Gruppo dei docenti di sostegno: anticipato al mattino di martedì 25 dalle 9.30 alle 12.00 Dipartimento di Lingue: anticipato al mattino di mercoledì 26 dalle 9.30 alle 12.00 Dipartimento di Educazioni: anticipato al mattino di giovedì 27 dalle 9.30 alle 12.00 Controllare il sito per gli aggiornamenti.  Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

ATTENZIONE: misure di prevenzione Coronavirus

Written by admin. Posted in News, Notizie home

http://www.sameer.gov.in/Download/recruitments/new_icon_flashing.gifAGGIORNAMENTO DEL 28-2-2020 Nota di Alisa per i certificati AGGIORNAMENTO DEL 23-2-2020: SINTESI DELLE NUOVE MISURE PREVISTE DAL DECRETO LEGGE ORDINANZA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DEL 21-2-2020: LINK AGGIORNAMENTO DEL 9-2-2020: circolare del Ministero della Salute del giorno 8-2-2020 AGGIORNAMENTO DEL 2-2-2020: circolare del Ministero della Salute del giorno 1-2-2020 Collegamento diretto al sito tematico del Ministero della Salute:  nuovo Coronavirus NUMERO DI PUBBLICA UTILITA’: 1500 FAQ del Ministero della salute; per comodità e immediatezza si riporta quella relativa alle norme generali da utilizzare: Cosa posso fare per proteggermi? Le raccomandazioni per ridurre l’esposizione e la trasmissione di una serie di malattie respiratorie comprendono il mantenimento dell’igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche) e delle vie respiratorie (starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l’uso e lavare le mani), pratiche alimentari sicure (evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate) ed evitare il contatto ravvicinato, quando possibile, con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse e starnuti. DA USR LIGURIA Si pubblica la mail pervenuta dall’Ufficio scolastico regionale Liguria, in data odierna, 31-1-2020, sulle misure di prevenzione sulla questione Coronavirus: “In considerazione della richiesta d’informazioni pervenuta da alcuni istituti Scolastici della Liguria, sul nuovo coronavirus (2019-nCoV) identificato in Cina (città di Wuhan, nella provincia di Hubei), per consentire a tutti gli interessati un accurato aggiornamento sul tema, si rimanda al portale web del Ministero della Salute (http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp), segnalando, in particolare, i documenti ministeriali relativi alle FAQ e ai consigli per i viaggiatori, compreso l’opuscolo per coloro di ritorno in Italia da aree a rischio della Cina (https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/situation-reports/). Si informa che il Ministero della Salute ha attivato il numero telefonico gratuito 1500, da contattare nel caso in cui, nelle due settimane successive al ritorno da aree a rischio, si dovessero presentare sintomi respiratori (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie) a scopo precauzionale.”        Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

L’ETA’ DELL’INCERTEZZA: CORONAVIRUS, VECCHIE PAURE E NUOVE INTOLLERANZE

Written by admin. Posted in Area genitori, News, Notizie home

Pubblichiamo una riflessione del Dirigente scolastico prof. Giacomo Daneri sugli accadimenti delle ultime settimane: coronavirus e non solo. Il testo dell’intervento Lo scritto dei giovani italo-cinesi, citato nell’intervento    Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

L’IC RAPALLO SUL PODIO DEL PREMIO SCUOLA DIGITALE

Written by admin. Posted in News, Notizie home, Un'avventura digitale: la sezione 2.0

L’Istituto Comprensivo Rapallo si è classificato terzo nella finale provinciale del Premio Scuola Digitale, iniziativa del MIUR che promuove l’eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane nell’insegnamento digitale. Lo scopo è incentivare l’utilizzo delle tecnologie digitali favorendo l’interscambio delle esperienze. Alla finale provinciale si sono classificate 6 scuole del primo ciclo (infanzia primaria e secondaria di primo grado) e 6 della scuola secondaria. Venerdì 21 febbraio, all’Auditorium San Francesco di Chiavari, la giuria di esperti ha valutato, in diretta, le squadre dei singoli istituti finalisti, che si sono sfidati a colpi di progetti caratterizzati da un alto contenuto di conoscenza, tecnica o tecnologica. La finale, sotto l’attenta regia dell’Istituto Fortunio Liceti, ha visto le presentazioni delle scuole intervallate da momenti di spettacolo come il concerto degli Gnu Quartet e una pièce teatrale a cura degli alunni del Liceo Classico Colombo di Genova. L’IC Rapallo ha presentato con un video, I-Class: un’avventura digitale, la quotidianità della sua sezione digitale, attiva ormai da sei anni. Le aule hanno banchi mobili per incentivare la collaborazione tra alunni, schermi touch e una connessione Internet dedicata. Una piattaforma social dove gli insegnanti postano i compiti e i materiali necessari a farli permette ad alunni e insegnanti di interagire al di là dell’orario di lezione, rendendo di fatto la classe sempre aperta. I compiti possono essere anche presentazioni multimediali o video, mentre per ripassare o approfondire i vari argomenti si utilizzano giochi didattici. Accanto alle materie tradizionali si studia il coding, cioè il linguaggio della programmazione e qualche volta i ragazzi della digitale si fanno maestri di coding nei confronti dei bambini delle elementari. Con il progetto Nonni 3.0 gli alunni insegnano alle persone anziane che lo richiedono a usare al meglio i propri dispositivi, smarthone e tablet. La giuria che ha valutato i lavori delle scuole era composta da docenti delle Scuole Superiori e dell’Università, oltre che da responsabili del digitale di Provincia e Regione. A premiare i ragazzi, che hanno ricevuto il saluto del sindaco di Chiavari Marco Di Capua, sono stati il Dirigente Scolastico dell’Istituto Liceti Norbert Künkler e la referente ligure del Progetto Scuola Digitale Monica Cavallini.        Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

QUATTRO STORIE PER CAPIRE LA SHOAH

Written by admin. Posted in News, Notizie home

“Quando ho iniziato a parlare ai bambini della Shoah, dopo l’istituzione del Giorno della Memoria negli anni Duemila, non c’erano tanti libri per ragazzi dedicati a questo argomento, oggi è diverso”. Lucia Tringali parla a una platea di tredicenni attenti, che per un’ora non occorrerà richiamare mai al silenzio: a indurre rispetto è senza dubbio l’argomento ma anche il talento da Sherazade di Lucia, che della narrazione ha fatto da oltre vent’anni il suo mestiere. Scrittrice vincitrice del Premio Andersen Baia delle Favole, pedagogista, esperta di letteratura per ragazzi, ha voluto partire proprio da quattro storie scritte per i più giovani per parlare dell’Olocausto agli alunni delle terze della nostra scuola. Filo conduttore la resilienza, cioè la capacità di andare avanti anche dopo un evento traumatico, dando comunque un senso alla propria esistenza. “Il mio personaggio guida quando parlo della Shoah è il dottor Korzack – ha spiegato Lucia – Uno dei più grandi pedagogisti del ‘900, con idee sull’educazione assolutamente all’avanguardia: pensate che negli anni ’40, quando era considerato normale picchiare per educare, lui sosteneva che bambini e ragazzi erano persone che dovevano essere trattate con lo stesso rispetto degli adulti”. Korzack usava i guadagni della sua attività di medico per sostenere la Casa dei Bambini, un orfanatrofio organizzato in completa autogestione con i suoi piccoli ospiti, dai 4 ai 14 anni. Una specie di repubblica dei bambini, con la sua bandiera, una sua trasmissione radio e persino un tribunale davanti al quale anche il dottore si trovò ad andare per aver sgridato troppo severamente. Ne L’ultimo viaggio di Irène Cohen-Janca  si racconta come dopo le leggi razziali il dottor Korzack fu obbligato dai nazisti a trasferire la Casa dei Bambini nel ghetto di Varsavia, trovandosi a dover mantenere più di cento orfani, senza soldi, senza farmaci e in mezzo a incredibili difficoltà. Quando venne a sapere che il ghetto sarebbe stato evacuato e i suoi bambini deportati cominciò a prepararli facendo loro rappresentare una pièce teatrale in cui si parlava di un bambino che stava morendo. Lui voleva che i suoi bambini se ne andassero con dignità – racconta Lucia – e loro, come si vede dalle foto d’epoca, uscirono dal ghetto tranquilli e in ordine, con la bandiera della Casa dei Bambini, cantando il loro inno. Lui, che avrebbe avuto la possibilità di salvarsi, li accompagnò fino alla fine. “C’è un po’ del dottor Korzack anche nei nostri giorni – spiega Lucia – perché lui è stato il primo ad avere l’idea di una Dichiarazione dei diritti dei bambini e a scriverne la bozza. Il diritto allo studio o alle cure sono tutte cose che ci arrivano da lui”. Il secondo libro raccontato è Storia di Erika di Ruth Van der Zee, magnificamente illustrata da Roberto Innocenti, graphic novel ispirata alla storia vera di una ragazza che, ormai adulta, scopre di essere stata lanciata da un treno di deportati su un prato, perché si potesse salvare dallo sterminio. “Erica si chiede quali siano potute essere le ultime parole, gli ultimi pensieri dei suoi genitori prima di quel gesto. Potrebbe essere un peso inimmaginabile da portarsi dietro, ma lei trova uno spiraglio di umanità pensando a quella madre che nel suo viaggio verso la morte l’ha scaraventata dentro la vita e alla generosità di chi l’ha raccolta in fasce dai binari, l’ha allevata ed amata”. Il terzo libro è La città che sussurrò di Jennifer Elvgren, in cui si racconta di una famiglia danese che nasconde due persone in cantina, in attesa di un imbarco verso la Svezia che per loro rappresenta la salvezza. Anett, la piccola di casa, racconta della notte in cui i due clandestini vanno verso il porto: è nuvolosa e senza la luna, impossibile trovare la strada, ma gli abitanti della città sussurrando nel buio li guida verso il porto. “Qui qualcuno si è svegliato, ha preso una posizione, opposta a chi gli ebrei li denunciava per soldi – spiega Lucia – Un’altra cosa che insegnano queste storie è che abbiamo sempre la possibilità di fare una scelta”. L’ultimo libro è Solo una parola di Matteo Corradini, un racconto dalla grande forza simbolica in cui si immagina come dall’oggi al domani le persone che portano gli occhiali diventino nemici. La radio, i giornali e il capo dello stato cominciano a dire che gli occhialuti sono responsabili dello sterminio dei daini con cui si fanno le pezzuole per pulire gli occhiali. “Parola per parola, assurdità per assurdità l’autore ci fa ripercorrere gli effetti delle leggi razziali – conclude Lucia – Leggendo questo libro si entra nella logica perversa della costruzione del nemico, che spesso parte da una sola parola, una cosa che tristemente vediamo succedere ancora oggi”.                      Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

BONUS PER LA VALORIZZAZIONE DEI DOCENTI 2019-20

Written by admin. Posted in Notizie home

Estratto dell’incontro di contrattazione DS-RSU 25-9-2019 Verbale della riunione del Comitato di Valutazione del 22-1-2020 Bonus 2019-20 indicazioni pratiche  Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather