ATTENZIONE: SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA’ DIDATTICHE PER TUTTA LA SETTIMANA

Written by admin. Posted in News, Notizie home

In seguito all’ordinanza regionale si comunica la sospensione delle attività didattiche per tutti gli ordini di scuola, per l’intera settimana dal 24 al 29 febbraio 2020. Gli studenti e i docenti NON svolgeranno le lezioni. Sono sospesi tutti gli altri corsi (recupero, approfondimento, strumento musicale, ecc) previsti al pomeriggio. Anche i corsi del progetto Scuola XXL sono sospesi per l’intera settimana. Il personale ATA è tenuto a presentarsi in servizio. Il Dirigente sarà presente in Ufficio per gli appuntamenti fissati. Anche le attività non didattiche dei docenti già previste nel piano annuale e programmate (programmazione della Primaria, dipartimenti della SEcondaria) si terranno regolarmente. Tuttavia si ritiene opportuno anticipare al mattino alcune riunioni, rimandando quella prevista per domani pomeriggio e più precisamente: Programmazione della Primaria: mercoledì 26 dalle 9 alle 11. Dipartimento di Lettere (previsto per lunedì pomeriggio): giovedì 27 dalle 9.30 alle 12.00 Dipartimento di Matematica: anticipato al mattino di martedì 25 dalle 9.30 alle 12.00 Gruppo dei docenti di sostegno: anticipato al mattino di martedì 25 dalle 9.30 alle 12.00 Dipartimento di Lingue: anticipato al mattino di mercoledì 26 dalle 9.30 alle 12.00 Dipartimento di Educazioni: anticipato al mattino di giovedì 27 dalle 9.30 alle 12.00 Controllare il sito per gli aggiornamenti.  Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

ATTENZIONE: misure di prevenzione Coronavirus

Written by admin. Posted in News, Notizie home

http://www.sameer.gov.in/Download/recruitments/new_icon_flashing.gifAGGIORNAMENTO DEL 28-2-2020 Nota di Alisa per i certificati AGGIORNAMENTO DEL 23-2-2020: SINTESI DELLE NUOVE MISURE PREVISTE DAL DECRETO LEGGE ORDINANZA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DEL 21-2-2020: LINK AGGIORNAMENTO DEL 9-2-2020: circolare del Ministero della Salute del giorno 8-2-2020 AGGIORNAMENTO DEL 2-2-2020: circolare del Ministero della Salute del giorno 1-2-2020 Collegamento diretto al sito tematico del Ministero della Salute:  nuovo Coronavirus NUMERO DI PUBBLICA UTILITA’: 1500 FAQ del Ministero della salute; per comodità e immediatezza si riporta quella relativa alle norme generali da utilizzare: Cosa posso fare per proteggermi? Le raccomandazioni per ridurre l’esposizione e la trasmissione di una serie di malattie respiratorie comprendono il mantenimento dell’igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche) e delle vie respiratorie (starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l’uso e lavare le mani), pratiche alimentari sicure (evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate) ed evitare il contatto ravvicinato, quando possibile, con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse e starnuti. DA USR LIGURIA Si pubblica la mail pervenuta dall’Ufficio scolastico regionale Liguria, in data odierna, 31-1-2020, sulle misure di prevenzione sulla questione Coronavirus: “In considerazione della richiesta d’informazioni pervenuta da alcuni istituti Scolastici della Liguria, sul nuovo coronavirus (2019-nCoV) identificato in Cina (città di Wuhan, nella provincia di Hubei), per consentire a tutti gli interessati un accurato aggiornamento sul tema, si rimanda al portale web del Ministero della Salute (http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp), segnalando, in particolare, i documenti ministeriali relativi alle FAQ e ai consigli per i viaggiatori, compreso l’opuscolo per coloro di ritorno in Italia da aree a rischio della Cina (https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/situation-reports/). Si informa che il Ministero della Salute ha attivato il numero telefonico gratuito 1500, da contattare nel caso in cui, nelle due settimane successive al ritorno da aree a rischio, si dovessero presentare sintomi respiratori (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie) a scopo precauzionale.”        Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

L’ETA’ DELL’INCERTEZZA: CORONAVIRUS, VECCHIE PAURE E NUOVE INTOLLERANZE

Written by admin. Posted in Area genitori, News, Notizie home

Pubblichiamo una riflessione del Dirigente scolastico prof. Giacomo Daneri sugli accadimenti delle ultime settimane: coronavirus e non solo. Il testo dell’intervento Lo scritto dei giovani italo-cinesi, citato nell’intervento    Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

CARNEVALE E RISPETTO DELL’ AMBIENTE

Written by admin. Posted in News

Ecco le bambine e i bambini della scuola dell’infanzia S.Anna via Bobbio che il 19 Febbraio hanno festeggiato il Carnevale al “Parco Cirillo” Parco N. Cuneo.Questa festa è stata l’occasione per promuovere il Progetto educativo-didattico di plesso, che vuole  guidare il bambino  alla scoperta della realtà  che lo circonda (casa, scuola, territorio) affinché possa riflettere sui comportamenti corretti da adottare per la  tutela dell’ambiente e delle sue risorse. Le attività del progetto valorizzano la creatività dei bambini, che in questa occasione sono stati coinvolti nell’ ideazione e realizzazione dei costumi. Ogni sezione ha scelto un ambiente: bosco, cielo, mare e città: i bambini hanno dipinto e decorato le loro magliette, rappresentando da un lato l’ambiente pulito e dall’altro l’ambiente inquinato. Tra giochi all’aperto, musica, coriandoli e stelle filanti i bambini hanno trascorso una mattinata di festa e divertimento. Le maestre e i bambini ringraziano l’associazione C.A.S.A per l’accoglienza e in particolare il signor Raffaele e i suoi collaboratori che hanno preparato frittelle e cioccolata calda per tutti.      Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

L’IC RAPALLO SUL PODIO DEL PREMIO SCUOLA DIGITALE

Written by admin. Posted in News, Notizie home, Un'avventura digitale: la sezione 2.0

L’Istituto Comprensivo Rapallo si è classificato terzo nella finale provinciale del Premio Scuola Digitale, iniziativa del MIUR che promuove l’eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane nell’insegnamento digitale. Lo scopo è incentivare l’utilizzo delle tecnologie digitali favorendo l’interscambio delle esperienze. Alla finale provinciale si sono classificate 6 scuole del primo ciclo (infanzia primaria e secondaria di primo grado) e 6 della scuola secondaria. Venerdì 21 febbraio, all’Auditorium San Francesco di Chiavari, la giuria di esperti ha valutato, in diretta, le squadre dei singoli istituti finalisti, che si sono sfidati a colpi di progetti caratterizzati da un alto contenuto di conoscenza, tecnica o tecnologica. La finale, sotto l’attenta regia dell’Istituto Fortunio Liceti, ha visto le presentazioni delle scuole intervallate da momenti di spettacolo come il concerto degli Gnu Quartet e una pièce teatrale a cura degli alunni del Liceo Classico Colombo di Genova. L’IC Rapallo ha presentato con un video, I-Class: un’avventura digitale, la quotidianità della sua sezione digitale, attiva ormai da sei anni. Le aule hanno banchi mobili per incentivare la collaborazione tra alunni, schermi touch e una connessione Internet dedicata. Una piattaforma social dove gli insegnanti postano i compiti e i materiali necessari a farli permette ad alunni e insegnanti di interagire al di là dell’orario di lezione, rendendo di fatto la classe sempre aperta. I compiti possono essere anche presentazioni multimediali o video, mentre per ripassare o approfondire i vari argomenti si utilizzano giochi didattici. Accanto alle materie tradizionali si studia il coding, cioè il linguaggio della programmazione e qualche volta i ragazzi della digitale si fanno maestri di coding nei confronti dei bambini delle elementari. Con il progetto Nonni 3.0 gli alunni insegnano alle persone anziane che lo richiedono a usare al meglio i propri dispositivi, smarthone e tablet. La giuria che ha valutato i lavori delle scuole era composta da docenti delle Scuole Superiori e dell’Università, oltre che da responsabili del digitale di Provincia e Regione. A premiare i ragazzi, che hanno ricevuto il saluto del sindaco di Chiavari Marco Di Capua, sono stati il Dirigente Scolastico dell’Istituto Liceti Norbert Künkler e la referente ligure del Progetto Scuola Digitale Monica Cavallini.        Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

QUATTRO STORIE PER CAPIRE LA SHOAH

Written by admin. Posted in News, Notizie home

“Quando ho iniziato a parlare ai bambini della Shoah, dopo l’istituzione del Giorno della Memoria negli anni Duemila, non c’erano tanti libri per ragazzi dedicati a questo argomento, oggi è diverso”. Lucia Tringali parla a una platea di tredicenni attenti, che per un’ora non occorrerà richiamare mai al silenzio: a indurre rispetto è senza dubbio l’argomento ma anche il talento da Sherazade di Lucia, che della narrazione ha fatto da oltre vent’anni il suo mestiere. Scrittrice vincitrice del Premio Andersen Baia delle Favole, pedagogista, esperta di letteratura per ragazzi, ha voluto partire proprio da quattro storie scritte per i più giovani per parlare dell’Olocausto agli alunni delle terze della nostra scuola. Filo conduttore la resilienza, cioè la capacità di andare avanti anche dopo un evento traumatico, dando comunque un senso alla propria esistenza. “Il mio personaggio guida quando parlo della Shoah è il dottor Korzack – ha spiegato Lucia – Uno dei più grandi pedagogisti del ‘900, con idee sull’educazione assolutamente all’avanguardia: pensate che negli anni ’40, quando era considerato normale picchiare per educare, lui sosteneva che bambini e ragazzi erano persone che dovevano essere trattate con lo stesso rispetto degli adulti”. Korzack usava i guadagni della sua attività di medico per sostenere la Casa dei Bambini, un orfanatrofio organizzato in completa autogestione con i suoi piccoli ospiti, dai 4 ai 14 anni. Una specie di repubblica dei bambini, con la sua bandiera, una sua trasmissione radio e persino un tribunale davanti al quale anche il dottore si trovò ad andare per aver sgridato troppo severamente. Ne L’ultimo viaggio di Irène Cohen-Janca  si racconta come dopo le leggi razziali il dottor Korzack fu obbligato dai nazisti a trasferire la Casa dei Bambini nel ghetto di Varsavia, trovandosi a dover mantenere più di cento orfani, senza soldi, senza farmaci e in mezzo a incredibili difficoltà. Quando venne a sapere che il ghetto sarebbe stato evacuato e i suoi bambini deportati cominciò a prepararli facendo loro rappresentare una pièce teatrale in cui si parlava di un bambino che stava morendo. Lui voleva che i suoi bambini se ne andassero con dignità – racconta Lucia – e loro, come si vede dalle foto d’epoca, uscirono dal ghetto tranquilli e in ordine, con la bandiera della Casa dei Bambini, cantando il loro inno. Lui, che avrebbe avuto la possibilità di salvarsi, li accompagnò fino alla fine. “C’è un po’ del dottor Korzack anche nei nostri giorni – spiega Lucia – perché lui è stato il primo ad avere l’idea di una Dichiarazione dei diritti dei bambini e a scriverne la bozza. Il diritto allo studio o alle cure sono tutte cose che ci arrivano da lui”. Il secondo libro raccontato è Storia di Erika di Ruth Van der Zee, magnificamente illustrata da Roberto Innocenti, graphic novel ispirata alla storia vera di una ragazza che, ormai adulta, scopre di essere stata lanciata da un treno di deportati su un prato, perché si potesse salvare dallo sterminio. “Erica si chiede quali siano potute essere le ultime parole, gli ultimi pensieri dei suoi genitori prima di quel gesto. Potrebbe essere un peso inimmaginabile da portarsi dietro, ma lei trova uno spiraglio di umanità pensando a quella madre che nel suo viaggio verso la morte l’ha scaraventata dentro la vita e alla generosità di chi l’ha raccolta in fasce dai binari, l’ha allevata ed amata”. Il terzo libro è La città che sussurrò di Jennifer Elvgren, in cui si racconta di una famiglia danese che nasconde due persone in cantina, in attesa di un imbarco verso la Svezia che per loro rappresenta la salvezza. Anett, la piccola di casa, racconta della notte in cui i due clandestini vanno verso il porto: è nuvolosa e senza la luna, impossibile trovare la strada, ma gli abitanti della città sussurrando nel buio li guida verso il porto. “Qui qualcuno si è svegliato, ha preso una posizione, opposta a chi gli ebrei li denunciava per soldi – spiega Lucia – Un’altra cosa che insegnano queste storie è che abbiamo sempre la possibilità di fare una scelta”. L’ultimo libro è Solo una parola di Matteo Corradini, un racconto dalla grande forza simbolica in cui si immagina come dall’oggi al domani le persone che portano gli occhiali diventino nemici. La radio, i giornali e il capo dello stato cominciano a dire che gli occhialuti sono responsabili dello sterminio dei daini con cui si fanno le pezzuole per pulire gli occhiali. “Parola per parola, assurdità per assurdità l’autore ci fa ripercorrere gli effetti delle leggi razziali – conclude Lucia – Leggendo questo libro si entra nella logica perversa della costruzione del nemico, che spesso parte da una sola parola, una cosa che tristemente vediamo succedere ancora oggi”.                      Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

PROVE INVALSI 2020: COMPILAZIONE MODULI DATI E CONSENSO

Written by admin. Posted in Area genitori, News

PROVE INVALSI 2020: informativa e modulo per il consenso al trattamento dei dati Ai genitori degli allievi delle classi terze Secondaria Ai genitori delle classi seconde e quinte Primaria Per l’effettuazione delle prove INVALSI nelle classi seconde e quinte della Primaria e delle classi terze della Secondaria, l’Istituto INVALSI chiede agli Istituti scolastici di raccogliere delle informazioni di contesto presso le famiglie, compilando il modulo riguardante informazioni sul titolo di studio e la professione dei genitori dell’allieva/o. Vista l’estrema semplicità della compilazione si richiede con estrema urgenza di compilare il modulo e il consenso al trattamento dei dati e di restituirlo al coordinatore di classe (Secondaria) o alle maestre (Primaria), anche attraverso gli allievi, entro e non oltre martedì 4 febbraio 2020. ATTENZIONE: sul modulo va indicato nome e cognome dell’allievo/a. Si ringrazia per la collaborazione. MODULO E CONSENSO DATI INVALSI 2020 INFORMATIVA INVALSI 2020Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

LA SETTIMANA DELLA MEMORIA NEL SEGNO DI LILIANA SEGRE E PRIMO LEVI

Written by admin. Posted in News, Notizie home

Non potevano mancare le parole di Liliana Segre, cittadina onoraria della nostra città, nelle celebrazioni della Giornata della Memoria dell’Istituto Comprensivo Rapallo. Com’è tradizione, la scuola non ricorderà soltanto il giorno del 27 gennaio – 75° anniversario della liberazione del Campo di concentramento di Auschwitz – ma dedicherà un’intera settimana al ricordo della Shoah. In quei giorni i ragazzi e i loro insegnanti ascolteranno testimonianze, guarderanno i grandi film dedicati al tema dell’Olocausto e discuteranno delle cause profonde di questo tragico evento che ha messo in discussione i fondamenti stessi della democrazia. La speciale settimana dell’Istituto inizierà giovedì 23 gennaio con l’allestimento di una mostra sul tema della Shoah, con disegni, poesie, manifesti e plastici creati dagli alunni di tutte le classi della scuola media, piccoli capolavori di precisione storica. Fino a giovedì 30 gennaio i locali dell’Istituto resteranno aperti al pubblico per permettere la visita. I lavori più significativi verranno premiati a cura dell’associazione culturale Tigulliana e della famiglia Ferraretto, che mantiene viva la memoria di Ottavio Ferraretto, antifascista, dirigente dell’Azione Cattolica fucilato per rappresaglia dai nazisti, attraverso un premio dedicato ai ragazzi delle scuole che si distinguono per virtù civiche.  Lunedì 27 gennaio alle ore 16.45, la scuola si aprirà alla città per presentare una commemorazione delle vittime dell’Olocausto attraverso un recital in cui i brani musicali curati dai docenti di Strumento e di Canto Corale si intervalleranno alle letture tratte da “I sommersi e i salvati” di Primo Levi, di cui è appena trascorso il centenario dalla nascita, con l’inserimento di brani tratti dai discorsi della senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Rapallo. La mattina di giovedì 30 gennaio, per gli studenti delle classi terze delle medie, si terrà un incontro con Lucia Tringali, scrittrice vincitrice del Premio Andersen ed esperta di libri per ragazzi, che racconterà ai ragazzi la storia del dottor Janus Korczak, un pedagogo, scrittore e medico polacco di origine ebraica, deportato nel campo di sterminio di Treblinka con tutti i bimbi ospiti dell’orfanatrofio del ghetto di Varsavia, e il suo progetto educativo basato sulla resilienza, la capacità di recuperare l’equilibrio psicologico in seguito a eventi traumatici. Le maestre della scuola elementare “Pascoli” spiegheranno il significato della ricorrenza leggendo Otto di Tomi Ungerer, che racconta l’amicizia dell’orsacchiotto Otto con due ragazzi tedeschi, fino a quando la malvagità degli uomini non divide i loro destini, e La stella di Andra e Tati di Alessandra Viola e Rosalba Vitellaro, che racconta la Shoah vista con gli occhi di due bambine di 4 e 6 anni. Non mancheranno letture e testimonianze locali, per conoscere la quotidianità della Liguria nel periodo della guerra. “La memoria è bisognosa di continue attenzioni e cura assidua – dice il Dirigente Scolastico Giacomo Daneri – Sono passati 75 anni dall’orrore di Auschwitz, ma il virus dell’intolleranza è ancora vivo e pronto a colpire e a contagiare con le sue farneticazioni. Ci sono generazioni di ragazzi che rischiano di non saperne nulla perché nessuno gliel’ha mai raccontato. Per questo la scuola ha il dovere di spiegare concetti difficili come la discriminazione e il genocidio, spiegando con chiarezza ai ragazzi che il pregiudizio, il razzismo e il ragionamento per stereotipi spalancano le porte alle più immani tragedie e trasmettendo loro l’importanza di valori assoluti come la libertà, la democrazia e il rispetto delle differenze.  Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

TRASPORTO SCOLASTICO: COME FARE RICHIESTA

Written by admin. Posted in Area genitori, News

A partire dal 1° al 29 febbraio 2020 il Comune di Rapallo provvederà alla raccolta delle domande relative al servizio trasporto scolastico a mezzo scuolabus e a mezzo autobus di linea per l’anno 2020/21  e rivolte agli alunni frequentanti le scuola dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado residenti nel Comune di Rapallo. Per l’iscrizione, gli interessati, dovranno compilare domanda su appositi moduli disponibili all’Ufficio in Piazza Molfino, 10 – ex Ospedale – ultimo piano – stanza 22 – dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.00 o scaricabili dal sito internet www.comune.rapallo.ge.it. Le richieste di iscrizione al servizio trasporto scolastico dovranno essere consegnate all’Ufficio Protocollo del Comune di Rapallo Piazza delle Nazioni, 4 dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e il martedì e il giovedì dalle ore 14.30 alle ore 16.00 entro e non oltre il 29 febbraio 2020. Ulteriori info al link sottostante ISCRIZIONE SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO 2020/2021  Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

RENDICONTARE PER FAR RENDERE CONTO

Written by admin. Posted in News, Notizie home

La rendicontazione sociale dell’IC Rapallo: clicca sul link per poter leggere i dati e il commento I risultati dell’IC Rapallo nel quadriennio 2015-2019: clicca sul link per vedere la presentazione dell’incontro di rendicontazione sociale del 10-12-2019. Che cos’è la rendicontazione sociale? Che cosa fanno le scuole oltre ad insegnare e tenere i bambini e i ragazzi? Quali sono i risultati concreti che una scuola può produrre? Nell’ambito del percorso, previsto dalla normativa, di valutazione del proprio operato e di miglioramento dell’offerta formativa e didattica, l’IC Rapallo organizza un’iniziativa aperta alla città, martedì 10 dicembre, alle ore 16.30, nell’aula magna dell’Istituto, per incontrare tutti coloro che in un modo o nell’altro hanno interesse all’azione che l’Istituto quotidianamente svolge: prima di tutto allievi, famiglie e personale, ma anche l’Amministrazione comunale, gli enti e le associazioni che hanno rapporto in vario modo con la scuola. “Ogni scuola italiana entro dicembre 2019 deve pubblicare su un’apposita piattaforma del Ministero una relazione su quanto svolto negli ultimi 3-4 anni, in particolare per quanto riguarda i risultati scolastici – spiega il Dirigente Scolastico dell’IC Rapallo Giacomo Daneri – In più possono essere pensate iniziative per far conoscere il proprio operato e da qui nasce l’idea dell’IC Rapallo di un incontro pubblico per presentare i risultati scolastici e non solo. Esiste una quotidianità scolastica, in cui si svolgono le lezioni e si insegnano i contenuti; ogni istituto svolge questo compito. Noi riteniamo che, oltre alla prassi quotidiana, vada ricercata una visione più ampia e a lungo termine, che progetti e persegua un processo di miglioramento a vari livelli”. L’Istituto ha individuato delle priorità scolastiche, in base ai risultati degli allievi e con riferimento al miglioramento soprattutto nelle aree delle lingue straniere (all’IC Rapallo si studiano Inglese e Francese) e matematico-scientifico. In quest’ultimo campo il riferimento è ai dati delle prove INVALSI che misurano con un test unico su scala nazionale le competenze dei singoli allievi e delle singole scuole; il traguardo è raggiungere i risultati complessivi del Nord Ovest (che comprende anche Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta), che quasi sempre costituisce la migliore performance italiana. In campo linguistico si fa riferimento ai risultati degli esami finali di terza media: il traguardo è aumentare il numero complessivo di allievi che consegue almeno “sette” come votazione nella prova di esame di Lingue; al momento del rilevamento iniziale erano poco più della metà. In questi anni sono state attivate azioni a vario livello per supportare questo miglioramento: da progetti per migliorare il passaggio tra la Primaria e la Secondaria (tra elementari e medie) al potenziamento dei laboratori, con la realizzazione di uno specifico laboratorio linguistico e l’allestimento di un laboratorio scientifico alla scuola primaria, dal miglioramento degli ambienti di apprendimento al coinvolgimento di associazioni, con supporto anche economico, fino alla formazione dei docenti. I risultati sono complessivamente migliorati, pur con qualche momento altalenante; per questo i traguardi di miglioramento sono rimasti invariati anche per il prossimo triennio. Ma l’IC Rapallo presenta i risultati raggiunti anche negli altri campi: crescono quantità e qualità dei progetti di recupero delle lacune degli studenti, anche in stretta collaborazione con le associazioni che organizzano i doposcuola cittadini; delle iniziative di valorizzazione dei talenti, sia nei tradizionali campi legati alla logica e alla matematica, ma anche in quelli linguistico, artistico, musicale, tecnologico, sportivo; proseguono le iniziative di innovazione didattica, dall’utilizzo educativo del digitale alla creazione di aule dedicate per le varie discipline, dove gli alunni si spostano come all’università. Il reperimento dei fondi ha portato l’Istituto a raccogliere oltre 370.000 euro negli ultimi 4 anni, con finanziamenti provenienti dai Fondi europei, dal Ministero dell’Istruzione, dal Ministero dei beni e delle attività culturali e dalla Compagnia di San Paolo, che hanno valutato positivamente i progetti presentati dall’Istituto e hanno permesso di acquistare attrezzature e soprattutto di attivare corsi didattici di vario tipo: l’installazione in tutti gli ambienti delle Medie e in quasi tutti quelli delle Elementari di lavagne interattive, videoproiettori o grandi video touch di ultima generazione, oltre che di alcune stampanti 3D facendo dell’Istituto una scuola all’avanguardia dal punto di vista della dotazione tecnologica; la formazione dei docenti, con particolare attenzione ad autismo e disturbi specifici di apprendimento, importanza del gesto grafico, psicomotricità, robotica educativa e stampa 3D, con le relative ricadute didattiche; dello stretto rapporto con decine di enti e associazioni, con cui si è costruita una salda rete di collaborazione, indispensabile per la realizzazione dei progetti di recupero e di valorizzazione.      Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather